Ultime News

Diversity and Inclusion, la nuova survey Cegos contro la discriminazione

Nonostante le aziende abbiano chiari gli aspetti di diversity and inclusion e quanto possano incidere su benessere e performance, la discriminazione è ancora presente in molte forme tanto che, se dovesse cambiare lavoro, l’84% dei dipendenti (il 90% nel caso degli italiani) sostiene che l’inclusione sarebbe un criterio importante per la scelta.

Parità di genere e asset management, progressi lenti ma costanti

Piccoli, timidi passi in avanti verso la parità di genere nell’industria dell’asset management. Secondo l’ultimo Alpha Female Report di Citywire la presenza di donne che ricoprono posizioni apicali è aumentata di appena lo 0,2%, arrivando al 12% sul totale. Di tutti i nuovi fondi lanciati nell’ultimo anno (562), la percentuale affidata a fund manager femminili ha appena sfiorato la doppia cifra (10%). Insomma, si tratta di un misero progresso che agli annunci e alle esternazioni in favore del gender equality non ha trovato riscontro.

I passi avanti verso la parità di genere nell’industria dell’asset management sembrano aver subito un brusco arresto”. Così ha commentato Nisha Long, Head of Esg and cross-border investment research di Citywire. “Ci si potrebbe legittimamente chiedere se ci sia mai stato un effettivo cambiamento, considerate le piccole variazioni percentuali che stiamo osservando. Ed è il caso di sottolineare che nei sette anni del nostro rapporto abbiamo visto aumentare il numero di donne responsabili della gestione di un fondo di soli 1,7 punti percentuali, un tasso di cambiamento spaventosamente lento”.

La situazione della parità di genere nel campo dell’asset management è stagnante ovunque. Dei 17.554 porfolio manager di tutto il mondo presenti nel database di Citywire, solo 2.108 sono di sesso femminile. In termini di fondi censiti, sono solo 1508, appena il 5,5% del totale. Il problema dipende, spesso, dal fatto che alle donne di solito vengono assegnati prodotti specializzati in settori di nicchia o tematici. Questo accade anche presso ai fondi più performanti che sono guidati da manager femminili.

Parità di genere, sorpresa Italia: è tra i paesi più all’avanguardia

Una notizia felice arriva dalla nostra penisola. Insieme alla Spagna, infatti, il Belpaese è la nazione con la percentuale più elevata di donne che gestiscono fondi, il 22% per la precisione. All’opposto troviamo, con un po’ di sorpresa, gli Stati Uniti (11%). Non a casa negli ultimi mesi sono state esercitate forti pressioni sui gruppi di asset management perché si allineino in fretta con la tendenza generale, molto più virtuosa in altri settori.

Molti selezionatori professionali di fondi ritengono che i team formai da gestori di genere diverso producano risultati migliori. Quindi una presenza femminile può avere un’influenza positiva sul rendimento dei fondi, come è la stessa analisi di Citywire a confermare. Il rapporto evidenzia come, lungo un arco di tre anni, i fondi guidati da sole donne hanno conseguito la stessa performance dei fondi gestiti da quelli gestiti da uomini. Con un vantaggio in più: nella maggior parte dei casi si riduce, di parecchio, il rischio.

Smart Working, tutte le novità a partire dal 1° settembre

Si apre una nuova fase per il lavoro da remoto, ormai non considerato non più solamente emergenziale, ma regolato da accordi individuali tra dipendente e azienda.

Donne in azienda: smart working e (quasi) pari opportunità formative, ancora distanza su alcuni ruoli

Alcune buone notizie in un quadro che resta in evoluzione per le donne sul lavoro. Lo smart working è una modalità adottata in quasi 8 imprese su 10 (78%) e nel 46% delle aziende sono previste iniziative a sostegno delle donne-mamme (ad es. asilo aziendale, permessi speciali, orario flessibile, pacchetto mamma-bambino).

HR

Legale

I 10 benefit aziendali più richiesti dai lavoratori in tempo di pandemia

Rinnovo dei ccnl, il welfare aziendale al centro delle contrattazioni: ecco i 10 benefit più richiesti dai lavoratori in tempo di pandemia

Come anticipare il cambiamento sul lavoro

le nuove sfide a cui stanno andando incontro le aziende con questa nuova seconda ondata dal punto di vista dell’organizzazione del personale, smart working.

Legislatore e sindacati per la flessibilità

Nel 2021, le risposte in termini di flessibilità aziendale, produttività e nuove figure professionali, dovranno arrivare soprattutto dalla contrattazione collettiva.

Stop licenziamenti, mercato del lavoro a rischio blocco

Al fine di limitare le pesanti ricadute occupazionali causate dagli effetti dell’emergenza epidemiologica, il Governo, dal’inizio della pandemia, ha emanato una serie di decreti legge che hanno introdotto e poi prorogato il blocco dei licenziamenti

Registrati ora