Accordo Legacoop-Randstad per potenziare la formazione del personale

L'obiettivo dei primi progetti derivanti dal protocollo di intesa tra il presidente di Legacoop, Simone Gamberini, e il ceo di Randstad Group Italia, Marco Ceresa, è di sostenere e ampliare le attività di ricerca, selezione e formazione del personale in Italia e proveniente da Paesi extra-UE per l'inserimento presso le imprese cooperative.

L’obiettivo dei primi progetti derivanti dal protocollo di intesa tra il presidente di Legacoop, Simone Gamberini, e il ceo di Randstad Group Italia, Marco Ceresa, è di sostenere e ampliare le attività di ricerca, selezione e formazione del personale in Italia e proveniente da Paesi extra-UE per l’inserimento presso le imprese cooperative. Questo sarà realizzato attraverso una serie di iniziative, tra cui contratti di somministrazione a tempo determinato e indeterminato, permanent placement, apprendistato e tirocinio, con un particolare focus sullo sviluppo del capitale umano.

Una macroanalisi dei fabbisogni del sistema cooperativo ha evidenziato le principali carenze geografiche nel Nord Italia (47%) e settoriali, con l’edilizia in testa alla lista (52,8%), seguita dai servizi, dalla logistica, dalla cooperazione sociale e dall’agroalimentare. Le azioni previste includono l’analisi dettagliata dei fabbisogni per settore, zona geografica e filiera produttiva, con l’obiettivo di identificare le competenze richieste dalle imprese cooperative e di selezionare e formare il personale adeguato, sia in Italia che proveniente da altri Paesi extra-UE.

Particolare attenzione è dedicata all’inclusione lavorativa degli immigrati attraverso progetti specifici che favoriscono l’accesso al mercato del lavoro italiano e il reclutamento di personale qualificato dall’estero. Questi progetti mirano a supportare i migranti nel loro percorso di inserimento professionale, offrendo orientamento, formazione sulla cultura italiana e supporto nell’adattamento alle aspettative sociali e lavorative del Paese.

L’accordo prevede inoltre iniziative di sviluppo del capitale umano, tra cui percorsi di qualificazione e riqualificazione del personale sia in Italia che nei Paesi di origine, con l’obiettivo di potenziarne l’impiegabilità nel mercato del lavoro italiano. Queste attività potranno beneficiare dei fondi disponibili da enti come Forma.Temp e Fon.coop, per integrare la formazione esistente con corsi specifici e qualificanti per le imprese cooperative.

Leggi anche...
I più recenti
Lavoro e gender equality, AXA Research Fund e Università Bocconi rinnovano la collaborazione
Che cos’è il Diversity Management e perché è importante nelle aziende
Ferrari vincitrice del Randstad Employer Brand 2024
Adecco registra una crescita nel primo trimestre 2024

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.