Al via il convegno “Licenziamento per giustificato motivo oggettivo, ius variandi e repêchage alla luce dei recenti orientamenti giurisprudenziali”

Il giorno 6 maggio 2024, dalle ore 14,30 alle 17.00, presso la sede dell’Organismo Congressuale Forense (OCF), di Via Valadier n. 42 e in modalità mista, prendono il via i lavori del convegno Licenziamento per giustificato motivo oggettivo, ius variandi e repêchage alla luce dei recenti orientamenti giurisprudenziali.

Per il collegamento da remoto è possibile registrarsi registrarsi al seguente link:
https://lnkd.in/daYHSGY5

Per partecipare in presenza ( max 30/35 posti) inviare mail al: anfroma@gmail.com

Lo scopo dell’incontro è quello di approfondire la fattispecie del licenziamento per gmo alla luce dei più recenti orientamenti giurisprudenziali.

I temi di indagine si incentreranno, principalmente, sull’analisi dell’istituto del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, soffermandosi, in particolare, sul controllo di effettività delle ragioni poste alla base del recesso, sui poteri datoriali e i confini della sindacabilità della scelta imprenditoriale, in ragione di un bilanciamento di interessi contrapposti tra libertà di iniziativa economica ex art. 41 Cost. e tutela del posto di lavoro.

L’analisi dei relatori poi, avrà ad oggetto anche il tema dell’obbligo di rêpechage, con particolare riferimento alle implicazioni su tale fattispecie conseguenti alle modifiche apportate allo ius variandi ex art. 2103 c.c. dal Jobs Act, che hanno ampliato la possibilità di ricollocazione del dipendente.

Le suesposte tematiche verranno esaminate alla luce dei più recenti orientamenti della Corte di Cassazione e della giurisprudenza di merito, al fine di fornire un adeguato aggiornamento in merito ad una materia così attuale.

I relatori che parteciperanno al Convegno sono:

– la Prof.ssa Maria Teresa Carinci, Ordinario di Diritto del Lavoro presso Università Statale degli studi di Milano;

– ⁠la Dott. ssa Maria Casola, Consigliere 1^ Sez. Lavoro presso il Tribunale di Roma;

– ⁠il Dott. Massimo Pagliarini, Consigliere 1^ Sez. Lavoro presso il Tribunale di Roma;

– ⁠il Dott. Luigi Di Paola, Magistrato addetto all’uffficio del Massimario presso la Corte di Cassazione;

– ⁠il Prof. Avv. Arturo Maresca, Emerito di Diritto del lavoro presso Sapuenza Università di Roma.

I relatori si concentreranno sulle problematiche attuali e concrete alla luce delle novità giurisprudenziali, con particolare attenzione alle conseguenze sul licenziamento per gmo in caso di violazione dell’obbligo di rêpechage.

All’evento sono stati riconosciuti n. 3 crediti Formativi da Anf Nazionale in sede di auto- accreditamento in forza della convenzione del 31.07.2023con il Cnf ai sensi dell’art. 14 del Reg. n. 6 del 16.07.2014 ess. Modifiche per la formazione continua.

Per ricevere l’attestato inviare mail all’indirizzo mail: anfroma@gmail.com


Leggi anche...
I più recenti
Lavoro e gender equality, AXA Research Fund e Università Bocconi rinnovano la collaborazione
Che cos’è il Diversity Management e perché è importante nelle aziende
Ferrari vincitrice del Randstad Employer Brand 2024
Adecco registra una crescita nel primo trimestre 2024

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.