Aumentano gli occupati in Lombardia (+3,3%)

Il numero di occupati in Lombardia cresce di 133mila unità in più rispetto al primo trimestre del 2021. I lombardi che attualmente lavorano sono 4 milioni e 365mila. Misurata in termini percentuali, l’incremento è del 3,1%, al di sotto della media nazionale (+4,8%). In ogni caso la regione si conferma la locomotiva d’Italia per tasso di occupazione con il 67,1%.

Si tratta di una costante ripresa, dopo lo shock del lockdown, iniziata nel secondo trimestre dell’anno passato. La crisi pandemica ha causato un forte trauma per l’economia lombarda, e l’occupazione non è ancora tornata ai livelli pre-pandemici. In particolare, si contano 82mila persone per ripristinare la situazione lavorativa del 2019.

La ripresa ha riguardato prevalentemente i lavoratori uomini, invertendo la tendenza precedente che aveva visto l’assunzione di molte donne. Il settore alberghiero e della ristorazione registrano miglioramenti prossimi alla doppia cifra (+9%), anche se lontano dai livelli pre-crisi.

Occupati in Lombardia, il problema degli inoccupati

Questi dati incoraggianti contengono, tuttavia, un rovescio della medaglia. Si è stimato che parte di questa crescita di occupati in Lombardia è in parte determinata da un calo del numero delle persone in cerca di lavoro. Infatti, la differenza tra disoccupati e inoccupati è che, mentre i primi sono alla ricerca di una posizione lavorativa, i secondi hanno (temporaneamente) gettato la spugna e smesso di cercala. Molti disoccupati stanno, tristemente, scivolando verso l’immobilismo degli inoccupati, con un calo del 5,5% rispetto al 2021.

Dopo il tonfo delle chiusure e dell’interruzione delle attività, l’offerta di lavoro sta avendo un forte rimbalzo (+71%), un segnale che fa ben sperare in vista di ritorno ai livelli di occupati in lombardi al 2019. Anche il saldo tra nuove assunzioni e cessazioni di rapporto è positivo (+76mila nuovi contratti). Su base annua la crescita è pari a 175mila posizioni lavorative. Queste si compongono di 70 mila contratti a termine e 37mila a tempo indeterminato.

Gian Domenico Auricchio, Presidente di Unioncamere Lombardia, ha così commentato i dati del report sul mercato del lavoro regionale del primo trimestre 2022: “L’occupazione in Lombardia continua a cresce, tuttavia la partecipazione al mercato del lavoro è ancora al di sotto dei livelli del 2019, mentre molte imprese segnalano difficoltà nel reperire il personale necessario. Diventa quindi importante favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e lo sviluppo delle competenze ricercate dalle imprese. Sarà fondamentale, poi, supportare la conciliazione tra lavoro e vita privata per favorire la partecipazione femminile”.

Leggi anche...
Le Fonti - HR TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
World Excellence – Luglio 2022
Crisi-Energetica-Inflazione
World Excellence – Speciale Franchising Immobiliare
World-Excellence-Speciale-Franchising-Immobiliare
Le Fonti Awards 2021
World Excellence – Dicembre 2020
World-Excellence-2020
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
Disney, retromarcia sullo smart working, si torna a lavorare in presenza
Lavoro precario e giovani NEET, primati negativi dell’Italia
Le Grandi Dimissioni sono un fenomeno temporaneo? Il pensiero di Daniel Pink
Nasce ITer Work, la soluzione per la mobilità sostenibile aziendale

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.