Energia pulita: 8 milioni di lavori entro il 2050

Lo confermano le indagini svolte da uno studio RFF-CMCC Eiee: il passaggio all’energia pulita tramite l’impiego di fonti rinnovabili porterà ad una crescita di posti di lavoro di 8 milioni entro il 2050.

Secondo lo studio RFF-CMCC Eiee (European Institute on Economics and the Environment), sono almeno 8 i milioni di posti di lavoro che si andranno a realizzare entro il 2050 grazie all’impiego di energia pulita rinnovabile. In particolare, politiche climatiche stringenti ed efficaci, aiuterebbero ad incrementare i posti di lavoro del settore energetico globale.

Infatti, laddove si rispetti il target di limitare l’aumento della temperatura globale a 2°C previsto dall’Accordo di Parigi, entro il 2050, gli attuali 18 milioni di posti di lavoro verrebbero incrementati a 26 milioni.

Attualmente, si stima che circa 18 milioni di persone lavorino nell’industria dell’energia – un numero probabilmente destinato ad aumentare, fino ad arrivare a 26 milioni di persone impiegate nel settore energetico -, se raggiungeremo i nostri obiettivi climatici globali”

Johannes Emmerling, ricercatore a capo dell’unità Low Carbon Pathways di EIEE e corresponding author dello studio. “Il settore manifatturiero e quello delle rinnovabili potrebbero potenzialmente assorbire fino a un terzo del totale di questi posti di lavoro, per i quali i diversi Paesi potrebbero arrivare a competere anche in termini di localizzazione.

Combustibili fossili ed energie rinnovabili

Ad ogni modo, ad oggi, più di 12 milioni di persone sono impiegate nel settore energetico del carbone, petrolio e del gas naturale. Quindi, per raggiungere tale obiettivo è necessario che l’impiego dei suddetti combustibili fossili debba ridursi. Secondo lo studio in esame, nel 2050, i posti di lavoro nel comparto energetico “al di sotto dei 2°C” sarebbero:

  • l’84% nel settore energia pulita;
  • l’11% nel settore dei combustibili fossili;
  • il 5% nel nucleare.

In questo modo, l’80% degli attuali posti di lavoro del settore fossile diminuirebbe rapidamente. E di conseguenza, verrebbero incrementati da lavori nei comparti dell’energia solare ed eolica. Nello specifico. circa 7,7 milioni di nuovi posti di lavoro rientrerebbe in suddetto settore.

Leggi anche...
Le Fonti - HR TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
World Excellence – Luglio 2022
Crisi-Energetica-Inflazione
World Excellence – Speciale Franchising Immobiliare
World-Excellence-Speciale-Franchising-Immobiliare
Le Fonti Awards 2021
World Excellence – Dicembre 2020
World-Excellence-2020
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
Disney, retromarcia sullo smart working, si torna a lavorare in presenza
Lavoro precario e giovani NEET, primati negativi dell’Italia
Le Grandi Dimissioni sono un fenomeno temporaneo? Il pensiero di Daniel Pink
Nasce ITer Work, la soluzione per la mobilità sostenibile aziendale

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.