I lavori più pericolosi in Italia, ecco la lista

La sicurezza sul lavoro è un tema molto importante e attuale, soprattutto per coloro che lavorano in settori pericolosi. In Italia esistono molti lavori che prevedono rischi per la salute e l’incolumità fisica degli operai. In questo articolo verranno analizzati i lavori più pericolosi nel nostro Paese.

I lavori più pericolosi in Italia, in cima alla classifica

In cima alla classifica dei lavori più pericolosi in Italia si trovano quelli legati al settore dell’edilizia, che rappresentano un quarto degli incidenti sul lavoro. Il rischio maggiore lo corrono gli addetti alla posa dei tetti, costretti a muoversi e ad appoggiarsi su superfici molto instabili.

Altri lavori dell’edilizia che comportano un alto rischio per l’incolumità dei lavoratori sono quelli legati alla demolizione e alla rimozione dell’amianto, all’installazione di elementi prefabbricati, ai lavori di scavo e i muratori.

La situazione dei lavoratori agricoli e del trasporto

Il settore dell’agricoltura rappresenta il 13% degli incidenti sul lavoro, e il rischio maggiore lo corrono i lavoratori impegnati nella raccolta dei prodotti agricoli. Questi operatori devono lavorare in condizioni molto difficili, spesso in ambienti isolati e senza la presenza di un’adeguata assistenza sanitaria.

Il settore del trasporto rappresenta il 10% degli incidenti sul lavoro. Il maggior rischio lo corrono i conducenti di mezzi pesanti, autisti di autobus e pullman e tassisti. La maggior parte degli incidenti avviene sulla strada per via di diverse cause.

Il settore dei servizi e della manutenzione

Il settore dei servizi, che rappresenta il 9% degli incidenti sul lavoro, ha il maggior rischio per le guardie giurate. Esposte al rischio di rapina, devono fare i conti con la minaccia di armi da fuoco e armi bianche.

Infine, il settore della manutenzione e riparazione di autoveicoli rappresenta il 7% degli incidenti sul lavoro. I lavoratori di questo settore sono esposti ad agenti chimici, temperatura e inquinamento acustico e rischiano di rimanere coinvolti in incidenti stradali.

L’importanza della sicurezza sul lavoro

Nel corso degli anni spesso si è discusso dell’importanza della sicurezza sul lavoro, sono state introdotte nuove regole e dispositivi ma la situazione rimane comunque ancora da migliorare. È impensabile, nel 2023, avere ancora numeri così alti, soprattutto considerando il grado tecnologico esistente nel nostro Paese.

Le aziende hanno l’obbligo di fornire ai propri dipendenti un ambiente di lavoro sicuro e confortevole, attrezzature adeguate e le risorse necessarie per prevenire gli incidenti. Inoltre, dovrebbero promuovere una cultura della sicurezza e dell’attenzione costante ai rischi, sensibilizzando i dipendenti sui comportamenti corretti da adottare per garantire la propria sicurezza e quella dei colleghi.

La sicurezza sul lavoro non è solo una questione di leggi e regolamenti, ma anche di buonsenso e attenzione alle situazioni di rischio. Quando si tratta di mettersi al lavoro, infatti, è importante tenere sempre presente le norme di sicurezza, utilizzare le attrezzature di protezione individuale, evitare comportamenti imprudenti o sconsiderati e seguire le procedure corrette.

Leggi anche: Lavori che fanno male al cervello: ecco quali sono

Leggi anche...
Le Fonti – HR TV
I più recenti
I sindacati chiedono l’aumento dei salari e la riduzione delle ore: il punto
Flop liceo Made in Italy, gli iscritti sono in media 4 per scuola
Lavoro, ecco quali sono le figure più richieste nel 2024
Mercato del lavoro 2023: i risultati dell’Osservatorio InfoJobs

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.