Lavori più pagati: ecco quelli senza laurea

Nonostante il possesso di un titolo accademico agevoli la ricerca di una professione ben remunerata, non sempre è necessario. Ecco quali sono i lavori più pagati senza laurea, dentro e fuori l’ufficio.

Lavori più pagati senza laurea, il SEO Specialist

In un mondo sempre più digitalizzato è fondamentale per le aziende farsi notare e riconoscere dai motori di ricerca. In questo senso arriva in soccorso il SEO Specialist, una figura fondamentale per raggiungere i potenziali clienti e il target di riferimento.

Chi svolge questa professione ottimizza i contenuti online e offline, analizzando, individuando e declinando le giuste parole chiave, monitorando le metriche e gestendo i link. Tutto questo per consentire all’azienda di posizionarsi nel web apportando grandi benefici. In Italia, un SEO Specialist può guadagnare dai 25.000 euro ai 40.000 euro lordi in base all’esperienza del professionista.

Social Media Manager

Rimaniamo nel mondo del digital marketing con un’altra professione che non necessita di una laurea e che è sempre molto richiesta: il social media manager. Esso non pubblica semplicemente i post sui vari social, come spesso erroneamente capita di sentire, ma assicura all’azienda una comunicazione efficace e mirata riferita al target di riferimento.

Può creare contenuti, gestire le diverse piattaforme, curare le interazioni con l’obiettivo di aumentare l’engagement e la visibilità. Anche in questo caso la forbice tra poco e molto esperti è molto ampia. Infatti, il salario può andare dai 18.000 euro ai 45.000 euro lordi all’anno.

UI-UX Designer

Il mondo dell’online rimane il protagonista. Tra i lavori più pagati senza laurea troviamo l’UI-UX Designer. Di che professione si tratta? Chi svolge questo impiego ha il compito di progettare, curare e migliorare l’esperienza degli utenti sul sito aziendale. Dunque, dal layout alla navigazione dell’utente, l’UI-UX Designer deve tenere conto della facilità d’uso e dell’accessibilità. La retribuzione varia dai 20.000 euro ai 35.000 euro lordi annui.

Programmatore informatico

Scrittura, manutenzione e test del codice che alimenta software, applicazioni e sistemi. Ecco alcune delle mansioni di cui è responsabile il programmatore informatico, il quale deve conoscere approfonditamente il linguaggio di programmazione e deve comprendere gli algoritmi. La retribuzione parte dai 25.000 euro per arrivare anche a 60.000 euro lordi annui.

Responsabile delle vendite

Non solo lavori digitali in questa lista. Il responsabile delle vendite ha il compito di pianificare, supervisionare e coordinare le vendite di un’azienda, creando profitto e relazionandosi con il team e con la clientela. Si tratta di un impiego ben remunerato che varia dai 40.000 euro per raggiungere anche gli 80.000 euro annui.

Idraulico ed elettricista

Concludiamo questa lista con due lavori più manuali ma molto richiesti e interessanti. L’idraulico progetta, installa e si occupa della manutenzione e riparazione dei sistemi idraulici. Non solo abilità manuali, ma anche di lettura di schemi e disegni oltre che una forte conoscenza delle normative.

L’elettricista si occupa invece dei sistemi elettrici, della loro installazione e manutenzione. Come nel caso precedente, anche questo professionista deve saper leggere gli schemi e i disegni e deve conoscere le normative. In media, chi svolge questa professione guadagna tra i 20.000 e i 30.000 euro annui lordi.

Leggi anche: Congedo di paternità: come richiederlo e a chi spetta

Leggi anche...
Le Fonti – Work TV
I più recenti
SAP: ottimizzazione HR, customer experience e procurement con Joule, il Copilot di IA Generativa
Learnn: trasformare le persone e le aziende attraverso la formazione digitale
Quali saranno i lavori più richiesti nei prossimi 5 anni? I risultati del report
Lavoro sportivo: ecco le ultime novità della riforma

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.