Lavoro femminile: oltre 7 milioni di donne ‘inattive’ in Italia

L’indagine di Randstad Research dichiara che le donne inattive in Italia sono oltre 7 milioni e rappresentano il 43% nella fascia dai 30-69 anni. Il tasso di inattività risulta fermo dal 1990. La situazione è fortemente accentuata nel Meridione con solo il 41% di donne attive.

Donne inattive: troppe rispetto alla media europea

Troppe donne inattive rispetto alla media europea. In italia sono oltre 7 milioni e rappresentano il 43% delle donne nella fascia d’età tra i 30 e i 69 anni. Un numero non paragonabile nella media Ue dove le donne inoccupate o alla ricerca di un impiego sono il 32%, in Germania il 24% e in Svezia il 19%

Viene definito “un fenomeno apparentemente immutabile”. Il tasso di attività è rimasto fermo dal 1990 ad oggi e colpisce soprattutto il Sud e le isole, dove più della metà delle donne (il 58%) non lavora, con una stima di 3 su dieci nel Settentrione.

Nella fascia di età 30-69 anni le donne inattive sono per la maggioranza casalinghe a tempo pieno (4,5 milioni), per scelta o “obbligate”, come conseguenza di scoraggiamento per le barriere all’ingresso e al reingresso nel mercato del lavoro. E poi pensionate (2,5 milioni, tra pensioni di anzianità, sociali e di invalidità), con una prospettiva della terza età più incerta degli uomini, a causa di pensioni inferiori, raggiunte in età più giovane. Il tasso di inattività femminile è fortemente legato all’età: dal 70,6% delle donne attive tra i 35 e i 44 anni si scende al 47,4% tra i 55 e i 64 anni.

Quali soluzioni adottare?

L’investimento da 4,6 miliardi di euro previsto dal PNRR per aumentare di quasi 265 mila posti i servizi della prima infanzia è una soluzione efficiente.

Servirebbe distribuire al meglio i congedi parentali e avere un sistema fiscale che non penalizzi il lavoro del secondo lavoratore della famiglia. L’uguaglianza di genere nella cura dei bambini può essere promossa attraverso il diritto individuale a un congedo non trasferibile, ben remunerato e di uguale durata per donne e uomini.

Da non sottovalutare la formazione, anche perché per le donne il livello di istruzione paia avere un’importanza elevata rispetto agli uomini.

Leggi anche...
Le Fonti - HR TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
World Excellence – Luglio 2022
Crisi-Energetica-Inflazione
World Excellence – Speciale Franchising Immobiliare
World-Excellence-Speciale-Franchising-Immobiliare
Le Fonti Awards 2021
World Excellence – Dicembre 2020
World-Excellence-2020
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
Disney, retromarcia sullo smart working, si torna a lavorare in presenza
Lavoro precario e giovani NEET, primati negativi dell’Italia
Le Grandi Dimissioni sono un fenomeno temporaneo? Il pensiero di Daniel Pink
Nasce ITer Work, la soluzione per la mobilità sostenibile aziendale

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.