Lavoro sportivo: ecco le ultime novità della riforma

Il Governo ha introdotto molte novità attraverso la riforma sul lavoro sportivo. Ecco le più importanti e che cosa cambia.
lavoro-sportivo-novita

Il Governo Meloni ha introdotto diverse novità per il lavoro sportivo. Una riforma che punta a cambiare radicalmente il ruolo di molti lavoratori e il rapporto tra di essi e le società. 

La nuova riforma del lavoro sportivo 

La riforma del lavoro sportivo, varata durante il governo Meloni a partire dal 1 luglio 2023 ma che ha avuto inizio già dalla scorsa legislatura, è il tentativo di rispondere alle sfide emerse nel settore a seguito della pandemia da Covid-19. 

In particolare, ha rivoluzionato il modo in cui vengono trattati i lavoratori, specialmente coloro che operano nelle società dilettantistiche. Questa riforma ha introdotto importanti tutele e regolamentazioni, cercando di eliminare lacune e ambiguità che esistevano precedentemente. 

Non tutti hanno accolto di buon grado le novità, ritenendole dannose proprio per le società non professionistiche che a fatica riescono a rimanere a galla. Chiaro è che la tutela di chi lavora al loro interno, dal punto di vista economico e non solo, doveva diventare una priorità. 

Lavoro sportivo, le novità sulla tassazione, l’Inail e altre norme 

Una delle innovazioni chiave della riforma riguarda la tassazione e le norme previdenziali. I lavoratori sportivi ora beneficiano di un sistema tributario agevolato, soprattutto nelle società sportive dilettantistiche. Questo regime fiscale agevolato ha lo scopo d’incentivare l’attività sportiva e di sostenere i lavoratori del settore. 

Per quanto riguarda l’Inail, la copertura assicurativa per gli infortuni è ora legata al tipo di contratto. I lavoratori subordinati beneficiano della copertura dell’Inail, mentre quelli che hanno un contratto di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) sono soggetti alla normativa generale in materia di infortuni sul lavoro. 

Un altro aspetto rilevante riguarda i contributi pensionistici, che sono stati ridefiniti per adattarsi al nuovo quadro normativo. In particolare, i giovani atleti che usufruiscono del contratto di apprendistato sportivo ora possono beneficiare di tutele previdenziali specifiche. 

Dunque, riassumendo, ecco alcuni punti chiave della nuova riforma: 

  • Sistema tributario agevolato 
  • Distinzione marcata tra lavoratori che operano nel settore professionistico e dilettantistico 
  • Identificazione del lavoratore sportivo come categoria a sé stante 
  • Nuove norme per il lavoro subordinato in ambito sportivo 
  • Nuove regole per i contributi e gli infortuni 

Chi non è un lavoratore sportivo 

La riforma ha anche precisato chi non rientra nella categoria di lavoratore sportivo, nonostante operi nelle società dilettantistiche o professionistiche. Innanzitutto, i volontari hanno un ruolo distinto e ben definito, non rientrando nella categoria di lavoratori sportivi soggetti alle norme contrattuali. Allo stesso modo, coloro che collaborano con società sportive, ma sono iscritti ad albi o ordini esterni, non vengono considerati lavoratori sportivi ai fini della riforma. 

Questa chiarezza è essenziale per evitare ambiguità e per garantire che le norme si applichino correttamente ai veri lavoratori sportivi, fornendo al contempo un quadro chiaro delle responsabilità e dei diritti dei diversi attori coinvolti nelle attività sportive.

Leggi anche: Factorial, investimento da 80 milioni di dollari per la scale-up HRtech

Leggi anche...
I più recenti
Lavoro e gender equality, AXA Research Fund e Università Bocconi rinnovano la collaborazione
Che cos’è il Diversity Management e perché è importante nelle aziende
Ferrari vincitrice del Randstad Employer Brand 2024
Adecco registra una crescita nel primo trimestre 2024

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.