I nuovi trend 2021 dello smart working

Per delineare prospettive e tendenze del mercato del lavoro per il 2021 abbiamo coinvolto direttamente le aziende attive sulla nostra piattaforma.

Chi, infatti, meglio di voi può identificare i trend che ci accompagneranno in questo anno ricco di attese? 

Il primo dato che emerge riguarda le assunzioni completate nel 2020 ed è molto incoraggiante afferma Infojobs
Se a inizio anno il 74,3% delle aziende aveva intenzione di assumere nuove risorse, in chiusura di un anno così difficile oltre la metà ha comunque ampliato l’organico.

Il dato ancora più ottimistico riguarda il 2021: la maggior parte delle aziende intervistate afferma di essere pronta ad ampliare il numero di risorse.

Il 47% pensa a un incremento, seppur debole e il 25,7% addirittura dichiara di prevedere un aumento consistente, dovuto al fatto che il business in cui opera o non si è mai fermato o è in ripresa.
Secondo InfoJobs permane un 12,5% che prevede nuove assunzioni solo in caso di sostituzione delle risorse dimissionarie, un 9,7% che non intende assumere in nessun caso e un 5,6% che valuta invece la riduzione dell’organico.

Per chi nel 2021 assumerà, è fondamentale puntare sulla qualità delle risorse 

Questa è la convinzione di oltre il 37% degli intervistati, mentre per il 31% non cambieranno le modalità di selezione dei candidati rispetto al passato.

Il 16,8% delle aziende preferirà dare incarichi flessibili, più adatti all’attuale momento di incertezza, mentre solo il 5,3% dichiara di avere la necessità di assumere nuove figure professionali rese necessarie dall’emergenza e dalle nuove esigenze del mercato.

Ma chi non assumerà nuove figure nel 2021 come affronterà il business? 

Formazione e agevolazioni, questo quanto emerge dall’indagine.
Il 74,4% delle aziende è, infatti, pronto a investire sulla formazione e sullo sviluppo delle risorse interne per trattenere i talenti già nell’organico, eventualmente riqualificandoli, mentre il 18,8% farà invece ricorso alla cassa integrazione per non ridurre l’organico.  Il 5,3%, invece, non nega che ci potranno essere dei tagli durante l’anno in corso. 

Rispetto allo scenario del lavoro 2021, Filippo Saini, Head of Job di InfoJobs, afferma: “Ci aspettiamo un inizio d’anno atipico dal punto di vista del lavoro, dovuto all’incertezza ancora persistente degli effetti della pandemia e degli sviluppi legislativi. In questo scenario mutevole, rileviamo dalle aziende un solido atteggiamento di determinazione e propensione alla continuità del business, che premierà ancora e sempre più la tecnologia, quale partner irrinunciabile del lavoro, e la formazione, sulla quale molti sono disposti a investire in modo incrementale.”

I trend per il mercato del lavoro 2021 secondo le aziende intervistate

1 – DATA DRIVEN HR ovvero la digitalizzazione al servizio delle persone (34,5%) in crescita del 2,5% rispetto all’anno precedente. Il digitale è essenziale non solo per chi lavora in smart working ma anche come strumento per l’ottimizzazione di tempi e processi di tutte le aree e funzioni aziendali, HR in primis. Gli strumenti digitali diventano un alleato affidabile, imparziale, in grado di accelerare e semplificare i processi, anche di assunzione, liberando così tempo a valore aggiunto per i dipendenti.

2 – UPSKILLING E RESKILLING ovvero formazione continua (25%) l’investimento in formazione è sinonimo di rafforzamento delle hard ma anche delle soft skill, sempre più importanti nel nuovo scenario lavorativo.

3 – ORGANIGRAMMA LIQUIDO ovvero gli obiettivi vincono sul cartellino (16,4%) la priorità e la valutazione delle performance si concentrano sempre di più sugli obiettivi raggiunti, sull’autonomia e sull’empowerment, soprattutto in un anno che ha fatto scoprire lo smart working di massa, dove controllo e presenza cessano di essere un valore di riferimento.

4 – PURPOSE DRIVEN HR ovvero creare cultura d’impresa (15,5%) la scommessa per il futuro è la creazione di una forte condivisione di valori e cultura d’impresa a tutti i livelli, dai vertici ai dipendenti, perché lo scopo per cui si fa business è sempre più centrale per il business stesso. Questo è il trend cresciuto maggiormente rispetto al 2020 (+9%).

5 – EMPLOYER BRANDING ovvero la necessità di far sentire i dipendenti parte del gruppo (8,6%) ormai fondamentale sia per chi entra in un nuovo team sia per trattenere chi è già nell’organico e far sì che anche l’eventuale distanza del lavoro agile non sia un ostacolo al senso della squadra.

*Fonte: indagine InfoJobs su un campione rappresentativo di 144 aziende sul territorio nazionale, realizzata a gennaio 2021.

Leggi anche...
Le Fonti - HR TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
World Excellence – Luglio 2022
Crisi-Energetica-Inflazione
World Excellence – Speciale Franchising Immobiliare
World-Excellence-Speciale-Franchising-Immobiliare
Le Fonti Awards 2021
World Excellence – Dicembre 2020
World-Excellence-2020
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
Disney, retromarcia sullo smart working, si torna a lavorare in presenza
Lavoro precario e giovani NEET, primati negativi dell’Italia
Le Grandi Dimissioni sono un fenomeno temporaneo? Il pensiero di Daniel Pink
Nasce ITer Work, la soluzione per la mobilità sostenibile aziendale

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.