smartworking

Donne in azienda: smart working e (quasi) pari opportunità formative, ancora distanza su alcuni ruoli

Alcune buone notizie in un quadro che resta in evoluzione per le donne sul lavoro. Lo smart working è una modalità adottata in quasi 8 imprese su 10 (78%) e nel 46% delle aziende sono previste iniziative a sostegno delle donne-mamme (ad es. asilo aziendale, permessi speciali, orario flessibile, pacchetto mamma-bambino).

Training modalities & outsourcing trends: i risultati della ricerca

Sono i primi dati della Survey “Training modalities & outsourcing trends” realizzata da Cegos Italia, parte di Cegos Group, che per il 7° anno consecutivo è stato inserito nella Top20 Learning Services Company 2022 di Training Industry.

Smart working, un’azienda di Treviso cancella l’orario di ufficio e l’obbligo in presenza

Non ci saranno orari prestabiliti in Velvet Media, l’agenzia di marketing con sede a Treviso che ha deciso di abolire l’orario lavorativo. Ai dipendenti verranno assegnati progetti e obiettivi da raggiungere, la gestione del tempo e dei giorni sarà a loro completa discrezione. Inoltre, si potrà lavorare in smart working o in ufficio a seconda delle preferenze.

Nuove frontiere del mondo del lavoro

In questo modello di organizzazione aziendale ciò che conta è l’operatività dei lavoratori nel rispettare le scadenze, e spetterà a loro decidere il momento della giornata in cui portare a termine i propri compiti. È importante specificare che si tratta di dipendenti assunti da Velvet Media, e non di autonomi collaboratori con partita IVA.

L’azienda di Castelfranco Veneto si occupa di grafica, di sviluppo web, di uffici stampa. Il suo team comprende diverse figure professionali emergenti, quali web marketer, copywriter, seo e sem specialist.

Il proprietario, Bassel Bakdounes, è un imprenditore giovane (43 anni) e ambizioso. Dopo aver lavorato un anno in Ferrari, nel 2013 si mette in proprio e fonda Velvet Media, che nel giro di pochi anni passa da 6 a 120 persone è registra un fatturato annuo di 5 milioni di euro.

“Siamo convinti che se una persona è serena e sta bene nel privato, potrà essere più performante anche davanti al computer – dice – Il miglioramento della qualità della vita genera la possibilità di lavorare meglio”.

Smart working, flessibilità e benessere

Gli uffici di Velvet Media hanno orari di apertura e chiusura molto flessibili. È possibile recarsi sul luogo di lavoro molto presto la mattina e anche a notte inoltrata. Nella filosofia dell’azienda non si può stabilire a priori e orari stabiliti il momento di massima efficienza e produttività del proprio personale, che può variare a seconda dei giorni e del benessere fisico e mentale dei dipendenti. Qualche volta si avrà bisogno di contatti esterni alla famiglia, e l’ufficio sarà a disposizione, altre volte si sentirà l’esigenza di stare più vicino ai propri figli e al proprio partner, e lo smart working svolgerà una funzione centrale per questo fine.

“Contiamo di migliorare la produttività – afferma Bakdounes – togliendo costrizioni frutto di un retaggio culturale anacronistico, legate alla presenza in ufficio o al numero di giorni e ore lavorate, dando invece massima libertà e fiducia alle persone. Oggi vi sono mille innovativi strumenti che ci permettono di stare in contatto, monitorarci e consultarci, perché non dovremmo sfruttarli appieno?

Le Fonti HR Forum 2022 – Protocollo Smart working – con Pepe e Di Marco

Nella giornata di Le Fonti HR Forum, Valentina Pepe, tenutasi il 5 maggio 2022 nella settimana dell’HR TV Week, è stato affrontato il discorso dello smart working, approfondendo il nuovo Protocollo che ha esteso le modalità per un corretto utilizzo del lavoro agile al settore privato.

Punti chiave saranno gli strumenti idonei per la formazione, le pari opportunità e la sicurezza, nell’ambiente di lavoro come per la protezione di dati e informazioni.

Sono intervenuti:

  • Valentina Pepe, Partner responsabile del dipartimento di Diritto del Lavoro, Pepe & Associati Studio Legale
  • Vincenzo Di Marco, Direttore Risorse Umane, Qualità e Sicurezza, Pellegrini S.p.a., e vice Presidente di AIDP Lombardia

Di seguito la replica integrale

Salute sul lavoro e sicurezza: italiani sereni, ma chiedono più controlli

Analisi dell’agenzia per il lavoro Jobtech. Salute sul lavoro: il 25% si dice stressato dalla pandemia, un italiano su 2 sceglie un lavoro al posto di un altro se offre lo smart working.

Osservatorio nazionale bilaterale e smartworking

Con il Decreto Ministeriale numero 57 firmato dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando è stato istituito presso il Ministero, l’Osservatorio nazionale bilaterale in materia di lavoro agile.

Lavoro: manca il benessere psicologico

Per ben tre persone su quattro, le sensazioni di ansia e stress lasciate dai mesi di lockdown hanno contribuito in modo sempre più incisivo in termini lavorativi. In particolare, la condizione insoddisfacente del 40% dei lavoratori ricade a livello di benessere psicologico, che risulta sempre più assente o precario.

Variante Omicron: il ritorno allo smartworking

Secondo un sondaggio Ipsos, ben 5 milioni di italiani tornano in smartworking a seguito del dilagarsi della variante omicron: un lockdown più soft ma a tutti gli effetti.

Hybrid living futures: Samsung e il modello ibrido

A seguito della ricerca sviluppata con The Future Laboratory, Samsung pubblica i risultati di “Hybrid living futures”: la libertà ritrovata precede la presenza in ufficio.

Smart working: a che punto siamo?

L’articolo Smart working: a che punto siamo? proviene da Le Fonti TV Official Website. Read More Economia, Finanza, Innovazione, Luca Solari, Smart Working, Manuela Donghi, Le Fonti HR Tv Week – Le Fonti TV Official Website.

Registrati ora