Smartworking: orari di lavoro e soddisfazione

Lo conferma la ricerca Fim Cisl su lavoro e smartworking: il 44% lavora più delle ore accordate da contratto, mentre il 56% non ha perso benefit.

Si è parlato di diritto alla disconnessione, software di controllo del lavoro da casa, soddisfazione personale e prospettive future nell’indagine proposta da Fim Cisl. Dai 4.662 questionari somministrati è emerso che il 44% degli intervistati ha lavorato più ore di quelle previste nel contratto, mentre il 56% ha assicurato di non aver perso benefit.

Smartworking e orario lavorativo

Come emerge dalle ricerche effettuate da Fim Cisl, il 54% del campione analizzato, sostiene di aver mantenuto lo stesso orario di lavoro che effettuava in azienda. Il 38% invece, ha affermato di aver goduto di una maggiore flessibilità in termini di orario di inizio-fine dell’attività lavorativa.

In termini di orario previsto da contratto:

  • il 39% conferma di aver lavorato le medesime ore stipulate nel contratto;
  • il 44% ha dichiarato di lavorare occasionalmente più ore;
  • il 15% addirittura molte più ore di quelle previste da contratto, nello specifico più di 10 ore settimanali;
  • il 2% ha dichiarato di lavorare meno ore di quelle da contratto.

Il diritto alla disconnessione

Un altro tema affrontato da Fim Cisl nella sua indagine è stato quello legato al diritto di disconnessione. In particolare, si è approfondito il discorso in relazione all’effettiva conoscenza da parte dei lavoratori. Il 61% dei lavoratori ha affermato di non essere stato informati dalla propria azienda a riguardo; il 32% invece, ha dichiarato di esserne a conoscenza e che l’azienda si sia limitata ad affermare che non vi è l’obbligo del lavoratore a rispondere alle mail.

Tecnologia utilizzata

A livello di strumenti di lavoro, l’86% ha dichiarato di usufruire di strumenti forniti dall’azienda, mentre solo il 14% ha dovuto ricorrere a strumenti personali.
Diverso il caso dell’impiego di tecnologia di controllo del lavoratore. Il 39% dei partecipanti al sondaggio ha affermato di esserne al corrente, mentre il 50% presuppone di possedere un sistema di controllo, ma non ne ha mai ricevuto comunicazione. Un 31% invece, afferma di non disporne.

Il lavoro in smartworking: soddisfazione o frustrazione?

Nel complesso, lo smartworking è stato molto apprezzato da coloro che ne hanno usufruito. La maggioranza ha valutato tale modalità lavorativa con un voto tra l’8 e il 10, e il 17% considerandolo come una “fonte di piacere” sulla propria vita personale e sul proprio lavoro. In concreto, il 21% afferma di aver potuto usufruire di una maggior concentrazione e il 14% di aver avuto maggior tempo da dedicare a figli e famiglia.
Alla domanda “vorresti continuare lo smartworking in futuro?” la maggioranza ha risposto affermativamente.

Leggi anche...
Le Fonti - HR TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
World Excellence – Luglio 2022
Crisi-Energetica-Inflazione
World Excellence – Speciale Franchising Immobiliare
World-Excellence-Speciale-Franchising-Immobiliare
Le Fonti Awards 2021
World Excellence – Dicembre 2020
World-Excellence-2020
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
Disney, retromarcia sullo smart working, si torna a lavorare in presenza
Lavoro precario e giovani NEET, primati negativi dell’Italia
Le Grandi Dimissioni sono un fenomeno temporaneo? Il pensiero di Daniel Pink
Nasce ITer Work, la soluzione per la mobilità sostenibile aziendale

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito economico e di impresa.